Golo-seitan !!

In rete ci sono un sacco di ricette per farsi il seitan in casa ma… sono così felice che non posso fare a meno di pubblicare la mia (scusatemi l’eccesso di felicità, ma dopo i primi 3 tentativi – uno troppo piccolo, uno troppo stopposo ed uno troppo colloso – sono felice di essere riuscita a farmi l’equivalente di 5 confezioni di seitan della Coop con solo 45 centesimi di euro di farina della Lidl ;-) .SeitanMio

INGREDIENTI:
1 kg di farina
acqua qb
1 pizzico di sale (poco, altrimenti il seitan diventa salatissimo!!!)
spezie
brodo vegetale
aromi a piacere

PROCEDIMENTO:
Tempo indispesabile previsto: 2 ore. Tempi di ammollo/cottura durante i quali potrete farvi i beneamati ca**i vostri: ad libitum!! Far  bollire circa 2 l di acqua ed aggiungere il sale (come per preparare la pasta). Far raffreddare. Impastare l’altra acqua (quella non salata) e la farina come per fare la pizza (l’impasto deve essere solido, non deve attaccare alle mani)… Il mio consiglio è di versare prima 1 l di acqua, aggiungere la farina ed impastare fino ad ottenere una finta pizza, poi aggiungere l’altro l di acqua ed il resto della farina sempre poco alla volta. Quando avrete ottenuto una palla simile alla pasta della pizza, mettetela in ammollo nell’acqua salata preparata precedentemente. Ammollate la palletta e lasciate riposare 2-4 ore. In un padellone della nonna mettere altra acqua, il brodo, gli aromi e le spezie (io ho usato timo, rosmarino, erba cipollina, origano del mio balcone e poi curcuma, noce moscata e bacche di ginepro vergognosamente acquistate al supermercato). Far bollire e lasciare il gas accesso al minimo. Nel frattempo scolate la pallozza. Ricoprire il lavello con carta forno unta (serve per recuperare l’amido – ampiamente riutilizzabile sia come concime che come mangime sia come veganrich – in maniera civile, senza sporcare 600 contenitori come facevo io le prime volte). Nel medesimo lavello mettete uno scolapasta e nello scolapasta posizionate la pallozza. Inizia la fase “mi diverto, ma mi rompo le azze!!! “: fate scorrere l’acqua a filo (alternando calda e fredda, oppure sempre tiepida scegliete voi… l’importante è iniziare e finire con acqua quasi gelida !). Mentre l’acqua scorre, continuate ad impastare anche se vedrete pezzi importanti della pallozza scappare via. L’amido rimasto dal primo “ammollo” inizia a staccarsi. Continuate così alternando se vi va la temperatura dell’acqua e staccando obbligatoriamente qualunque pezzetto bianco “similgrasso”. Ficcate il tutto in un contenitore con la forma che desiderate per il vostro seitan e metteteci sopra un peso (così scolerà l’acqua in eccesso e riassorbirà le proprietà rilasciate senza riassorbire la propria parte liquida). Quando il padellone della nonna bolle, versateci il vostro seitan-formina, richiudete con il coperchio, abbassate la fiamma e lasciate andare finchè il seitan non avrà raggiunto la dimensione desiderata  (bollendo si gonfia sempre più!). Scolate, fate raffreddare, affettate (oppure scubettate), marinate nel liquido di cottura per 1/2 ora, et voilà, quasi pronto! Fate bollire nuovamente, ma questa volta affettato/scubettato/quadrangolato. Ora mancano poche cose… fate asciugare il seitan al sole (mollerà tutta l’acqua e si asciugeherà senza ammuffire), poi se volete conservarlo per pochi giorni cacciate il seitan in un contenitore qualunque (o quasi)… se invece volete conservarlo per molti mesi, fate una cottura veloce al vapore e poi insacchettate sotto vuoto (potete usare un sacchetto della spesa ed un tappo di bottiglia di plastica per il sottovuoto).

Annunci

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...