Salvia Fritta (Salvia Pakora)

Una mia amica mi ha portato un bel po’ di Salvia e Rosmarino: per “un bel po’ “,intendo tipo mezzo cespuglio XD !!
Una parte di queste profumatissime aromatiche la surgelo, per averle sempre pronte; una parte la essico per fare il sale aromatico (di cui vi ho già promesso la ricetta)….Un’altra parte la tengo fresca…

Ieri ho deciso di fare la salvia fritta…ma a modo mio…cioè con la pastella indiana dei famosi Pakora invece che con la classica pastella italiana che è pesantissima! tra l’altro, in questo modo la ricetta è adatta anche ai celiaci (la farina di ceci è senza glutine) e ai vegani (nella pastella niente uova o latte vaccino :)) !!

Ho adattato la pastella dei pakora al sapore della salvia, quindi non ho messo lo zucchero (che ci andrebbe) e ho aggiunto un pizzico di cumino in polvere..mi raccomando, POCHISSIMO!

INGREDIENTI:

  1. Salvia a foglie grandi (io ne ho usate una ventina)
  2. farina di ceci q.b.
  3. sale aromatico alle erbe
  4. cumino
  5. acqua di rubinetto mezzo bicchiere
  6. birra ghiacciata mezzo bicchiere (o acqua gassata per i celiaci)
  7. Olio EVO

PROCEDIMENTO:

  1. Lavare bene le foglie di salvia sotto acqua corrente (tenetecela poco,altrimenti perde tutto l’aroma); mettetela poi ad asciugare su dei fogli di carta scottex da cucina.
  2. Mentre la salvia si asciuga, prepariamo la pastella. In una ciotola mescolate farina di ceci e sale con una forchetta, poi versate la birra e sbattete bene con la medesima forchetta. Infine,se dovesse risultare troppo densa, aggiungete l’acqua e sbattete ancora. Riponete la pastella in frigo per almeno mezz’oretta. (PS: per i celiaci, ovviamente al posto della birra usate acqua gassata !! )
  3. Adesso prendete le foglie di Salvia,asciugatele ancora un po’ e, tirata la pastella fuori dal frigo, buttatele nella pastella amalgamandole bene con la forchetta (fate attenzione a non romperle)
  4. In una padella antiaderente scaldate un filo di olio EVO, prelevate le foglie dalla pastella una per una, allargatele per bene e mettetele nell’olio bollente
  5. Adesso aspettate che siano dorate…per un effetto più carine, fatele dorare alcune di più,ed altre di meno (anche a seconda dei vostri gusti ovviamente ;)) … et voilà, ecco la salvia fritta pronta da pappare !!!

PS: Se per caso dovesse avanzarvene un po’, mettetela nell’essiccatore fino al giorno dopo a 35° (se avete un Biosec, usate il programma manuale T2 o T3 variando il tempo a vostro piacimento) …si manterrà croccante senza indurire !!! (Se non avete l’essiccatore, potete metterla nel forno spento,magari lo accendete per venti minuti a 50°, poi lo spegnete e lo lasciate con solo la lucetta accessa)..

Annunci

3 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...